In viaggio per Olomouc

[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/in-viaggio-per-olomouc/thumbs/thumbs_410-in-viaggio-per-olomouc.jpg]560
Dopo la sfacchinata di ieri, forse la tappa più dura effettuata, ripartiamo in direzione di Olomouc. Non dovrebbe essere una tappa molto difficile, anche se gli sguardi di coloro a cui abbiamo chiesto notizie in merito non ci lasciano tranquilli
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/in-viaggio-per-olomouc/thumbs/thumbs_405-in-viaggio-per-olomouc.jpg]330
Il paesaggio rimane anche oggi molto bello, molto verde e ricco di colori intensi. Stiamo affrontando parecchie salite, certamente di più di quelle che pensavamo di dover incontrare.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/in-viaggio-per-olomouc/thumbs/thumbs_406-in-viaggio-per-olomouc.jpg]270
Non esistono tornanti qui. Le colline vengono affrontate direttamente, le strade salgono in modo abbastanza secco. I paesi attraversati sono spesso in fondo a degli avvallamenti; per cui si arriva al paese con una lunga discesa, ma se ne esce sempre con una bella salita.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/in-viaggio-per-olomouc/thumbs/thumbs_410a-in-viaggio-per-olomouc.jpg]250
Anche in questo caso usciamo dal paese con la strada che va su dritta in salita a scollinare.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/in-viaggio-per-olomouc/thumbs/thumbs_408-in-viaggio-per-olomouc.jpg]240
La bellezza del paesaggio verdeggiante e ondulato ci ripaga delle fatiche
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/in-viaggio-per-olomouc/thumbs/thumbs_410b-in-viaggio-per-olomouc.jpg]250
Ci siamo quasi. La tappa di 80 km non ci preoccupava un granché, ma alla fine si è dimostrata molto più dura del previsto. La gioia per aver superato anche l’ottava tappa è grande, ormai cominciamo a sentirci vicini al traguardo.

Olomouc

[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_433-olomouc.jpg]70
Arrivo ad Olomouc. Soggiorniamo in un appartamento della comunità ebraica di Olomouc con la quale avevamo preso contatto dall’Italia.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_417-olomouc.jpg]70
L’appartamento è perfetto, Manu come sempre è già all’opera con la sua occupazione principale: smanettare con l’iphone.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_415a-olomouc.jpg]50
E poi che non si dica che gli uomini non sanno fare i mestieri di casa. Qui Fabio e Massimo all’opera con il lavaggio a mano degli indumenti.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_416-olomouc.jpg]60
Dopo il lavaggio, beh bisogna stendere.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_416a-olomouc.jpg]50
Con la speranza che ad andare a domattina siano asciutti.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_414-olomouc.jpg]40
Finiti i lavori casalinghi saliamo al piano superiore dove c’è il centro ebraico vero e proprio e dove abbiamo appuntamento con un sopravvissuto di un campo di concentramento. Qui la sinagoga.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_411-olomouc-con-gabriel.jpg]100
Gabriel, al centro della foto, ci racconta la sua esperienza nel campo di concentramento di Terezienstadt. E poi ci mostra un libro nel quale ha raccolto una copiosa documentazione riguardante la sua vita nel campo: documenti, lettere, foto…
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_418-olomouc.jpg]90
Stolpersteine: grazie all’iniziativa dell’artista tedesco Gunter Demnig dal 1995 sono state posate in molti paesi europei (compresa l’Italia) oltre 20.000 piccole targhe di ottone, per restituire nome e memoria a chi è stato spazzato via senza colpa, derubato della propria umanità, catalogato con un numero, smaltito come un rifiuto. Per ricordare che in quella casa, dietro quel portone, viveva in pace uno di noi.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_420-olomouc.jpg]110
Un inciampo non fisico, perchè le pietre sono inserite nella pavimentazione del marciapiede, ma visivo e mentale, per ricordare ogni giorno al passante distratto la tragedia della deportazione attraverso l’incisione di un nome, di una data di nascita e di morte, del luogo di detenzione.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_421-olomouc.jpg]60
Chiesa di Nostra Signora delle Nevi. Siamo a spasso per Olomouc in attesa della cena. Si dimostra una cittadina meravigliosa, ricchissima di cose da vedere.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_422-olomouc.jpg]50
La via Komenskehò, che dal nostro appartamento conduce direttamente alla piazza principale.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_423-olomouc.jpg]50
A ridosso della piazza principale, cuore pulsante della cittadina.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_424-olomouc.jpg]50
La fontana di Tritone. Olomouc è famosa anche per le sei fontane barocche che adornano la città. Cinque di queste rappresentano divinità romane come Giove, Mercurio, Tritone, Poseidone, Nettuno ed Ercole, e una rappresenta Giulio Cesare.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_425-olomouc.jpg]50
A cena da Peter. Serata molto carina. Abbiamo partecipato a una cena Kosher, durante lo Shabbat. Peter ci ha invitato a casa sua dove abbiamo cenato con la moglie e le sue bellissime bimbe. Interessante riflettere su quest’idea del riposo del sabato. Al di là del precetto biblico, una giornata in cui ci si ferma completamente può essere davvero un’occasione importante per rientrare in se stessi, per le relazioni familiari, per le amicizie….
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_427-olomouc.jpg]50
Finita la cena torniamo in piazza per ammirarla nell’atmosfera notturna. La vicinanza della meta fa si che adesso la sera si esca tutti assieme, la paura di non arrivare è di molto ridotta e si può stare in giro tutti insieme un po’ di più.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_428-olomouc.jpg]50
Ampie piazze e fontane, che non furono mai rimosse perché ritenute una valida riserva d’acqua in caso di incendio. Una di esse, la più imponente, rappresenta addirittura Giulio Cesare, mitico fondatore della città.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_430-olomouc.jpg]40
Il municipio di Olomouc, che domina la piazza Horní náměstí, è già da sei secoli simbolo di importanza economica e politica dell’ex capitale reale. Il municipio ha quattro ali con un cortile interno al centro. Nella facciata sud si trova una cappella gotica San Geronimo, riccamente decorata con motivi a intaglio e figurali.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_431-olomouc.jpg]50
Le biciclette sono pronte per la nona e penultima tappa, ma noi siamo pronti?
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_434-olomouc.jpg]40
Siiii ci siamo anche noi, ecco Massimo che con passo “agile e leggero” porta giù le borse. Dimenticavo, l’appartamento era al quarto piano senza ascensore.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_435-olomouc.jpg]50
Il castello di Olomouc, dal 1962 monumento nazionale culturale. La parte più importante del castello è oggi la cattedrale gotica San Venceslao. E‘ stato proprio qui dove nel 1306 è stato assassinato l’ultimo uomo della famiglia di Přemislidi, il re ceco Venceslao III
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_432-olomouc.jpg]40
La cattedrale San Venceslao, con la sua facciata a due campanili, è parte inseparabile del panorama della città. Il campanile sud, il terzo, misura esattamente 102 m, ed è il campanile più alto della Morava (il secondo più alto nel Paese). La costruzione della cattedrale è stata iniziata dal principe di Olomouc Svatopluk negli anni 1104–1107. Suo figlio Václav ha continuato i lavori e, prima della sua morte, ha donato l’edificio al vescovo Jindrich Zdik. L’edificio incompiuto fu consacrato nel 1131. Nel 1141 è stato completato ed è diventato la chiesa episcopale. La basilica originale romanica a tre navate ha subito numerose modifiche ed alterazioni. Dopo l’incendio nel 1265 la cattedrale fu completamente ricostruita in stile gotico.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_436-olomouc.jpg]50
Particolare della facciata gotica e dei due campanili
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_437-olomouc.jpg]40
La via crucis
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_438-olomouc.jpg]50
I pilastri gotici delle tre navate sono del 13° secolo. Il grande coro è stato creato come parte di un edificio barocco. Alla fine del XXIX secolo, come tutto l’interno e l’esterno dell’edificio, ha subito modifiche in stile neo-gotico. Sotto il presbiterio c’è una cripta accessibile da due scale laterali. Sul lato sud dell’ingresso delle tre navate c’è la cappella San Stanislao e ai lati dell’ingresso alla cappella ci sono lapidi del 16° e dell’inizio del 17° secolo. Sull’altare neo-gotico vicino ad uno dei pilastri delle tre navate è situato il santuario con le reliquie di San Jan Sarkander (canonizzato dal papa Giovanni Paolo II nel 1995). L’organo del duomo è uno dei migliori strumenti di stile romantico nel Paese
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_439-olomouc.jpg]40
L’antico palazzo vescovile di Olomouc. Oggi ospita il Museo arcidiocesano.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_440-olomouc.jpg]50
La cappella Sant’Anna, edificio ad una navata che si trova vicino all’angolo nord-ovest della cattedrale San Venceslao; gotico, originariamente dedicato a San Giovanni Battista. La cappella Sant’Anna è citata per la prima volta nel 1349; fu ricostruita negli anni 1306–1349. La cappella è la chiesa del rettorato. Dalla fine del 17° secolo serviva da posto elettorale di vescovi ed arcivescovi di Olomouc. Nel 1617 la ricostruzione completa fu effettuata in stile manierista.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_441-olomouc.jpg]40
Non possiamo partire senza rivedere con la luce del giorno la splendida piazza del Municipio, gustandoci una sontuosa colazione.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_443-olomouc.jpg]40
Il municipio di Olomouc, che domina la piazza Horní náměstí, da sei secoli è simbolo di importanza economica e politica dell’ex capitale reale. Ha quattro ali con un cortile interno al centro. Nella facciata sud si trova una cappella gotica San Geronimo, riccamente decorata con motivi a intaglio e figurali. Nel lato orientale c’è la scala a due assi con una loggia rinascimentale. Oltre alla torre comunale nella parete nord si trova l’orologio astronomico.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_444-olomouc.jpg]30
L’orologio astronomico di Olomouc si trova nella facciata nord del municipio. Il suo quadro architettonico è costituito da una nicchia con arco a sesto acuto, che raggiunge un’altezza di 14 metri. La versione odierna dell’orologio è degli anni 50 del 20° secolo ed è conforme all’estetica del realismo socialista.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_445-olomouc.jpg]30
La decorazione dell’orologio è composta da medaglioni ai lati della nicchia, che mostrano il lavoro caratteristico per ogni mese dell’anno. Nella parte superiore della cavità l’autore del progetto – Karel Svolinski- ha usato il motivo folk della Cavalcata dei re. Nella parte inferiore della decorazione a mosaico ci sono delle figure che rappresentano la classe operaia.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_446-olomouc.jpg]30
La fontana, del 1687, è decorata da una statua del mitico eroe antico Ercole. La statua, con un bastone nella mano destra, è collocata su un piedistallo al centro della vasca. La mano sinistra tiene un’aquila a scacchiera, simbolo della città, che viene protetta da un’idra a sette teste. L’autore ha lascito sul corpo d’idra la sua firma „Mandik“. Tra le opere scultoree di Mandík la fontana di Ercole è una delle migliori.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_448-olomouc.jpg]30
Colonna della Santa Trinità, sempre in piazza municipio. E’ il più grande gruppo di sculture barocche in una scultura dell’Europa centrale. La colonna misura 32 metri e nella parte bassa si trova una cappella. La decorazione scultorea è composta da 18 statue di santi, 12 figure di tedofori, 6 rilievi di mezze figure degli Apostoli, dalla statua della Vergine Maria, che si trova nella parte centrale; nella parte superiore della colonna c’è la scultura della Santa Trinità. Ogni figura a grandezza naturale è adornata da un drappeggio luminoso e arioso e le espressioni e i gesti sono espressivi e non eccessivamente gravati dal dinamismo barocco. L’insieme della decorazione scultorea della colonna ha un aspetto naturale ed armonico.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_442-olomouc.jpg]30
Ora si siamo pronti per partire. Casualmente proprio da Olomouc oggi parte la gara per il campionato europeo di ciclismo under 18. Scambiamo due parole con la rappresentanza italiana e facciamo un grosso in bocca al lupo ai nostri connazionali.
[img src=http://www.theworldonwheels.net/wp-content/flagallery/olomouc/thumbs/thumbs_447-olomouc.jpg]30
La gara sta per partire ma è meglio che noi ci avviamo per non restare intrappolati. Il nostro è decisamente un ciclismo completamente diverso 🙂